Costruire “bene comune” nella didattica universitaria. il ruolo degli apprendimenti per la costruzione di una “visione condivisa” in rete

Contenuto principale dell'articolo

Claudio Pignalberi

Abstract

Il concetto di “bene comune” trova la sua feconda radice – e si riscopre – nell’uso immateriale della conoscenza da parte dei soggetti, generando così senso di appartenenza, di partecipazione, di capacitazione educativa e formativa. Il contributo prende allora le mosse dalla constatazione della riconoscibilità della immaterialità dei processi apprenditivi che si sviluppano, e vengono condivisi, in ambienti digitali. Quale il ruolo affidato alla rete? Quale invece il contributo per rendere efficace l’intervento didattico per gli studenti universitari?

Dettagli dell'articolo

Sezione
Saggi

Articoli simili

1 2 3 4 5 6 7 8 9 > >> 

Puoi anche Iniziare una ricerca avanzata di similarità per questo articolo.