La conoscenza in rete: bene comune di nuova generazione

Contenuto principale dell'articolo

Anna Paola Paiano

Abstract

Obiettivo del presente contributo è sottolineare come la conoscenza in rete, intesa come prodotto di un agire plurale, connesso, partecipato e co-creato, possa essere, per sua natura, assimilata ai concetti di “bene” e di “comune” e come il processo “co-creativo” del sapere tipico della cultura partecipativa preveda un ruolo attivo da parte degli utenti (fruitori e produttori al tempo stesso). Il contributo intende esplorare i concetti di conoscenza in rete e di diritti universali e la correlazione tra i due, che, seguendo la logica della attuale letteratura di riferimento attorno ai beni comuni, nonché una ratio pedagogica da intendersi come azione pre-politica ed elemento essenziale per abilitare il processo di democratizzazione del sapere nella rivoluzione digitale. La realizzazione del progetto pedagogico di affermazione e conoscenza dei propri diritti è, dunque, premessa necessaria di una società liberata dall’interesse individuale, che si faccia portatrice di un nuovo contratto sociale attento al bene comune.

Dettagli dell'articolo

Sezione
Saggi

Articoli simili

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 > >> 

Puoi anche Iniziare una ricerca avanzata di similarità per questo articolo.