Esperienza del dolore, autodeterminazione e progettualità formativa

##plugins.themes.bootstrap3.article.main##

Rosa Gallelli

Abstract

A fronte degli attuali scenari di significato in cui il tradizionale dualismo mente/corpo, filtrato nell’impianto riduzionistico della medicina moderna, si traduce nei modelli e nelle pratiche della medicina altamente tecnologizzata della contemporaneità, l’oggettivazione del malato e della sua sofferenza espone quest'ultimo alla espropriazione della esperienza di sé, nella complessità del proprio essere persona incarnata. Un approccio critico e creativo all'immaginario che fa da sfondo integratore a tale espropriazione non può che essere finalità primaria di una progettualità pedagogica che voglia promuovere pensiero e personalità riflessive e autodeterminantesi, in grado di esperire e condividere le comuni istanze di comprensione, compassione, partecipazione, relazione, solidarietà e aiuto

##plugins.themes.bootstrap3.article.details##

Sezione
Saggi