Handifobia, una parola che fa paura... Riflessioni intorno al timore sociale della disabilità e del corpo in/dis-abile

Contenuto principale dell'articolo

Andrea Fiorucci

Abstract

Il presente contributo espone e discute le connessioni tra il costrutto di paura della disabilità e la dimensione culturale del corpo in/dis-abile, scoperchiando quegli aspetti socio-culturali che rimandano a forme rappresentazionali della disabilità inspirate all'abilismo, all'efficientismo. Ampio spazio di approfondimento è assegnato al rapporto che esiste tra il costrutto di handifobia e quello di atteggiamento, richiamando anche le tre sotto-dimensioni: cognitiva, comportamentale ed affettiva. In relazione a quest'ultima dimensione, l'articolo si conclude con un affondo proprio sulla questione emotiva dell'atteggiamento verso la disabilità: paura della morte e apertura emotiva e curiosa verso la disabilità e il corpo disabile diventano così le due polarizzazioni all'interno delle quali si costruisce la sfida educativa della gestione e del superamento delle paure annichilenti e del pregiudizio culturale.  

Dettagli dell'articolo

Sezione
Saggi

Articoli simili

<< < 1 2 3 4 5 > >> 

Puoi anche Iniziare una ricerca avanzata di similarità per questo articolo.