Pàthei màthos. L’attualità del tragico tra teoria e progetto educativo

##plugins.themes.bootstrap3.article.main##

Giuseppe Annacontini

Abstract

Nell’esperienza della classicità greca vi è sempre stato una particolare predisposizione a tener conto del profondo legame tra aspetti contraddittori della vita e, dunque, anche tra fenomeni quali la sofferenza e il sapere. Legame che se può efficacemente descrivere parte determinante dell’avere-fare esperienza da parte dell’uomo, può contemporaneamente restituire il senso di un suo positivo e attivante procedere costruttivo, pure attraverso una condizione che si connota di tragicità. In questa direzione la consapevolezza di tale tragicità acquista senso e valore pedagogico che può positivamente connotare una specifica intenzione formativa che sia attenta a curare e coltivare gli aspetti di precarietà propri della condizione umana, restituendo ad essa il compito di rispondere al proprio essere finiti ma con una particolare competenza a guardare progettualmente all’infinito possibile a-venire.

##plugins.themes.bootstrap3.article.details##

Sezione
Saggi