MeTis è una rivista internazionale di Pedagogia, Didattica e Scienze della Formazione Open Access, il cui intento è promuovere l’apertura del mondo della formazione alle suggestioni, alle contaminazioni, al meticciamento, alle ibridazioni con tutte le scienze dell’uomo che ne possano allargare gli orizzonti di riflessione e problematizzazione, di sapere e azione, di scelta e di orientamento.

Le storie dis-seminate e gli impliciti della memoria collettiva

2020-07-07

image.jpg

 

Nessuna cultura o società può essere o vivere senza storie, tanto quelle ufficiali, testimoniate dalle fonti primarie e depositate nella manualistica e nella saggistica scientifica, quanto quelle diffuse, disperse nelle tracce depositate - spesso nel profondo - dell’iconografia, dei linguaggi, degli immaginari, dei comportamenti, delle cronache che, immersivamente, ospitano la quotidiana vita di ciascun soggetto.

Scadenze:

Presentazione abstract: 10 Gennaio, 2021.

Submission articoli: 30 Aprile, 2021.

Pubblicazione: Giugno, 2021.

 

 

 

V. 10 N. 2 (2020): Economia e pedagogia: le ragioni del dialogo

È possibile, in una fase storica che vede il predominio delle logiche neoliberiste, scoprire un legame generativo e trasformativo tra pedagogia, economia ed educazione?

È possibile mediare tra i rischi di una economia orientata all’individualismo, al narcisismo, all’utile personale e le possibilità di una economia altra, umanista e solidale, che recuperi il valore etimologico dell’oikos, quell’immagine calda dell’amministrare un bene comune, del condividere, dell’“essere insieme per”?

L’impegno, anche pedagogico, è quello di ristabilire il sostanziale nesso tra economia e società, rivendicando un approccio allo sviluppo centrato sul soggetto-persona che si coniughi con istanze tanto inattuali quanto emergenti quali la felicità, il ben-essere, la speranza, la comunità.

Per ripensare e costruire un terreno di incontro e confronto tra spazio economico e spazio educativo, MeTis ospita contributi per pensare, ideare, approfondire, confrontare teorie e prassi riferite al rapporto tra pedagogia ed economia.

Tutto ciò nella convinzione che sia possibile trasformare le famiglie, le scuole, le università, le imprese, le organizzazioni in “cantieri di speranza” per costruire altri modi di intendere l’economia e il progresso, per combattere, con le parole di Bergoglio, la “cultura dello scarto”, per dare voce e dignità a chi non ne ha, per proporre nuovi stili di vita personale e comunitaria.

Pubblicato: 2020-12-29

Editoriale

Daniela Dato

I-V

Ecosistemi formativi capacitanti

Piergiuseppe Ellerani

129-145

Il Dopo di Noi: nuove alleanze tra pedagogia speciale ed economia per nuovi spazi di Qualità di Vita

Catia Giaconi, Claudio Socci, Barbara Fidanza, Noemi Del Bianco, Ilaria d'Angelo, Simone Aparecida Capellini

274-291

Visualizza tutti i numeri